L'OCM al fianco del FAI per le giornate di primavera

News / 21-03-2018

Domenica 25 marzo | Ore 17
Palazzo Di Bagno
Concerto a cura di Orchestra da Camera di Mantova

Eugenio della Chiara chitarra

“Classico/Neoclassico”

Franz Joseph Haydn (Rohrau, 1732 - Vienna, 1809)
Minuetto (Allegretto) dalla Sinfonia Hob.I:96 (tr. Segovia)

Ludwig van Beethoven (Bonn, 1770 - Vienna, 1827)
Adagio sostenuto dalla Sonata “Quasi una fantasia” op. 27 n. 2 (tr. Tárrega)

Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 1756 - Vienna, 1791)
Minuetto (Allegretto) dal Quintetto K 593 (tr. Tárrega)

Fernando Sor (Barcellona, 1778 - Parigi, 1839)
Introduzione e variazioni su un tema di Mozart op. 9
---
Carlo Galante (Trento, 1959)
Cammeo di Joseph Haydn (in forma di minuetto)
Dedicato a Eugenio Della Chiara

Heitor Villa-Lobos (Rio de Janeiro, 1887 - Rio de Janeiro, 1959)
Prélude n. 1 en mi mineur

Manuel de Falla (Cadice, 1876 - Alta Gracia, 1946)
Homenaje pour le tombeau de Debussy

Mario Castelnuovo Tedesco (Firenze, 1895 - Beverly Hills, 1968)
Tarantella op. 87a

Classicismo e neoclassicismo: in questo programma vengono messe a confronto la produzione di un momento ben specifico della storia della musica – conosciuto come “periodo classico” – e i frutti di una concezione estetica – quella neoclassica – che è riuscita ad attraversare nel tempo e nello spazio tutto il Novecento, sino ad arrivare ai giorni nostri. Nella data esatta dei cento anni della scomparsa di Claude Debussy (Saint-Germain-en-Laye, 22 agosto 1862 – Parigi, 25 marzo 1918), il compositore francese riceve uno speciale omaggio (grazie al brano di De Falla),  contestualizzato nell’ambito della produzione musicale coeva.

Eugenio Della Chiara

Eugenio Della Chiara, nato a Pesaro nel 1990, intraprende lo studio della chitarra all’età di 8 anni sotto la guida di Simona Barzotti. Tra i suoi maestri vi sono Piero Bonaguri, Andrea Dieci e Oscar Ghiglia, di cui è allievo all’Accademia Chigiana di Siena.

Nel 2010 si diploma in chitarra - sotto la guida di Giuseppe Ficara - con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. Completa la sua formazione umanistica presso l’Università Cattolica di Milano, dove consegue la Laurea Triennale in Lettere Classiche e la Laurea Magistrale in Filologia Moderna, presentando una tesi sulla Cenerentola di Rossini premiata con la lode. Tra i riconoscimenti ricevuti si segnalano - primo musicista a conseguire questo risultato più di una volta -  le due borse di studio della Fondazione Rossini vinte nel 2008 e nel 2010. Nel 2016 entra a far parte di Illumia People, programma con cui l’azienda bolognese sostiene figure ritenute fonti di ispirazione in ambito musicale, artistico e sportivo.

La sua attività concertistica lo ha portato a tenere recital solistici in prestigiose sale da concerto - tra cui l’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, il Vangi Museum di Mishima, il Teatro della Casa d’Italia di Istanbul, l’Auditorium di Palazzo Sternberg a Vienna, il Teatro Alighieri di Ravenna, la Casa della Musica di Parma, l’Auditorium Pedrotti di Pesaro e il Teatro Abbado di Ferrara - suonando per importanti enti ed istituzioni tra cui laVERDI, il Rossini Opera Festival, l’Accademia Chigiana di Siena, la Società dei Concerti di Parma, l’Associazione Musicale Angelo Mariani e gli Istituti Italiani di Cultura di Istanbul e di Vienna.

È dedicatario di nuove musiche da parte di Carlo Galante, Davide Anzaghi, Paolo Ugoletti, Pippo Molino, Marco Reghezza, Alessandro Spazzoli e Roberto Tagliamacco. Appassionato camerista, suona in duo chitarristico con Andrea Dieci e si cimenta nel repertorio per chitarra e strumenti ad arco con Aya Shimura e Piercarlo Sacco (rispettivamente violoncellista e violinista dell’ensemble Sentieri Selvaggi). Nel giugno del 2017 ha eseguito la Sonata per arpeggione di Schubert - in duo con il fortepiano - su una chitarra costruita nel 1815 da Johann Georg Stauffer.

Il suo interesse per la vocalità e per il teatro musicale italiano lo porta a frequenti collaborazioni con cantanti lirici, su tutti il tenore Juan Francisco Gatell. Per quanto riguarda l’ambito del teatro di prosa, collabora con l’attore Alessio Boni. Insieme ad AMAT ha ideato MU.N - Music Notes in Pesaro, stagione di musica da camera di cui è direttore artistico dalla prima edizione del 2015.

Nel gennaio del 2018 è uscito il suo primo CD per DECCA, Guitarra Clásica, in cui sono raccolte alcune rare trascrizioni chitarristiche da Haydn, Mozart e Beethoven realizzate da Francisco Tárrega, Miquel Llobet e Andrés Segovia. In precedenza ha inciso tre CD per Phoenix Classics e Discantica; tra questi si segnala Guitar recital - laVERDI sessions (Discantica / laVERDI), contenente la prima registrazione della Sonata per chitarra composta da Luciano Chailly nel 1976. Suona una chitarra Domingo Esteso del 1935 e una Masaki Sakurai del 2009.